SEA, CATTANEO: CONFERMIAMO IMPEGNO PER I LAVORATORI E GLI SCALI

(Milano, 07 Febbraio) "Le scelte che hanno portato l'Amministrazione di Milano a cedere parte delle quote di Sea, la società che gestisce gli scali di Milano Linate e Malpensa, è totalmente ascrivibile al Comune di Milano. Regione Lombardia non ha infatti alcuna partecipazione azionaria in Sea e, pertanto, correttamente, non è entrata nel merito delle scelte del Comune, tanto che non ha stipulato accordi o partecipato al processo decisionale in merito alla vicenda". Lo ha detto oggi in Consiglio l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo, rispondendo a un'interrogazione presentata dal consigliere Giorgio Puricelli in merito alla vendita di parte di quote della Società aeroportuale. "La Regione - ha proseguito Cattaneo - non è stata coinvolta nella definizione del ruolo del Comune di Milano rispetto alla governance della società, così come non è a conoscenza di variazioni al piano industriale che Sea vorrà darsi né della destinazione delle somme derivanti dalla cessione delle quote societarie".

LA REGIONE PER I LAVORATORI - Intervenendo sulle azioni che vengono portate avanti a tutela dei lavoratori cassintegrati l'assessore ha ricordato l'impegno della Regione: "In accordo con l'assessore Gianni Rossoni è stata autorizzata la Cassa integrazione in deroga alla Sea per il periodo da gennaio a marzo 2011 per un massimo di 300 lavoratori e, successivamente, dall'1 aprile al 31 dicembre 2011, sempre per un massimo 300 lavoratori". L'assessore ha inoltre ricordato che il 7 luglio del 2008 la Regione ha sottoscritto con le Province di Varese e Milano e le parti sociali, l'Accordo Quadro per la "crisi Malpensa", che individua le procedure e le modalità applicative per la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga alle imprese rientranti nella citata crisi. "Per parte sua - ha spiegato Cattaneo - la società ha attivato una procedura di mobilità il 14 novembre 2011 che si è conclusa con accordo del 18 novembre scorso per 150 lavoratori della sede di Segrate. A oggi non risultano lavoratori collocati in mobilità. Al momento inoltre a Regione Lombardia non risultano azioni intraprese dal Comune di Milano a sostegno dei lavoratori". "L'impegno della Regione - ha concluso Cattaneo - prosegue infine attraverso la valorizzazione e il rilancio del sistema aeroportuale lombardo, in particolare per quanto riguarda l'aeroporto di Malpensa e il finanziamento, con 3,8 milioni di euro, della creazione di un polo di formazione professionale nel settore aeronautico a Somma Lombardo".

  • Scrivimi

Credits