MOBILITY CONFERENCE





DA CANTIERI A GRANDI OPERE CATTANEO: LE INFRASTRUTTURE REGIONALI AVANZANO NEI TEMPI

(Milano, 07 Febbraio) L'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo è intervenuto questa mattina al convegno 'Nuove autostrade per la grande Milano: vincoli finanziari allo sviluppo', che si è tenuto nell'ambito della Mobility Conference presso la Camera di Commercio di Milano. La relazione dell'assessore è stata l'occasione per una ricognizione puntuale dei cantieri aperti in Lombardia e sul ritmo elevato con cui stanno procedendo anche in vista dell'Expo 2015. "In Lombardia si stanno realizzando infrastrutture più che in passato - ha detto Cattaneo -. Attualmente sono aperti 30 cantieri di opere principali e altri verranno avviati nei prossimi mesi. A un clima generale di 'sfascismo' rispondiamo attraverso fatti concreti. Il più evidente: i 180 chilometri di autostrada che, con la realizzazione di Pedemontana, Brebemi e Tem, arriveranno in tempo per il grande appuntamento del 2015".

RETE FERROVIARIA E METROPOLITANA - Entro il 2015 saranno completati 101 chilometri di rete ferroviaria, di cui 80 già in cantiere. "Si tratta di opere strategiche come l'Alta Velocità Treviglio-Brescia, la linea ferroviaria Saronno- Seregno, la bretella Arcisate-Stabio, che potenzierà i collegamenti tra la Lombardia e la Svizzera - ha detto Cattaneo -. Altri 6 chilometri di ferrovia saranno avviati entro questo mese con la Castano-Turbigo e altri 15 chilometri vedranno il via entro il prossimo maggio con la sistemazione del nodo di Rho e il quadruplicamento fino a Parabiago. Altri importanti interventi sono in corso anche sulla rete metropolitana". Per quanto riguarda la rete metropolitana sono già in cantiere 43 chilometri (il prolungamento della M1 a Monza, le nuove linee milanesi M5 e M4, e la Metropolitana di Brescia), e 14 chilometri per la metrotranvia Milano-Desio-Seregno saranno avviati entro giugno.

POTENZIAMENTO AUTOSTRADALE - "Anche sotto l'aspetto del potenziamento autostradale - ha proseguito Cattaneo - stiamo realizzando interventi importanti per rispondere alle esigenze di mobilità dei cittadini lombardi e all'efficienza complessiva del sistema". L'assessore ha citato i lavori in corso per la terza corsia dell'A9 Milano-Como, che termineranno a luglio 2012, la quinta corsia dell'A8 Milano-Varese (dalla barriera di Milano nord all'interconnessione con l'A9), la quarta corsia dinamica della tratta urbana milanese della A4, la quarta corsia dell'A1 - tratta Milano sud-Lodi, per le quali è in corso la valutazione di impatto ambientale e che verranno concluse entro il 2015. Ma il riferimento ha riguardato anche il completamento del raccordo dell'autostrada A4 Torino-Milano-Venezia con la A21 Torino-Piacenza Brescia, la cosiddetta "Corda molle", i cui primi 17 chilometri sono stati inaugurati venerdì, che metterà a sistema la viabilità nel nodo di Brescia e che sarà completata entro settembre 2013.

LA SCOMMESSA DI PEDEMONTANA, BREBEMI E TEM - Cattaneo si è poi soffermato su Pedemontana, Brebemi e Tem. Nello specifico, ha ricordato che "per Pedemontana i lavori del primo lotto sono già in corso e sono operativi 24 ore al giorno, sette giorni su sette. E' stata inoltre assegnata una gara che prevede la conclusione in 1.180 giorni, quindi se Strabag, l'impresa che ha vinto l'appalto, potesse partire e lavorare senza intoppi, arriverebbe in tempo per Expo anche per il secondo lotto. C'è un ricorso al Tar da parte di Impregilo che potrebbe bloccarla, ma quelli sono tempi che non possiamo governare noi. Mi auguro che la magistratura amministrativa non rallenti il cantiere". La stessa cosa, secondo Cattaneo, vale per Brebemi "della quale si sta attendendo il dissequestro di pochi chilometri di tracciato. L'opera sarà comunque conclusa e percorribile entro la fine del 2013". Riguardo alla Tem, Cattaneo l'ha definita "l'esempio di un'attesa dell'avvio dei cantieri, che ci tocca scontare perché a Roma ancora non è stata registrata presso la Corte dei Conti una delibera del Cipe di 6 mesi fa. E questo malgrado si tratti di un'opera che non ha un euro di contributo pubblico". Entro la fine del prossimo anno saranno dunque consegnati ai cittadini tutta la Brebemi, l'arco Tem e la tratta della Pedemontana da Cassano Magnago a Lomazzo, inclusi i primi lotti delle tangenziali di Como e Varese.

CLOSING FINANZIARIO - "Il finanziamento - ha detto Cattaneo - è senza dubbio uno dei punti cruciali per la realizzazione di opere che, nel caso della Lombardia, hanno un costo netto di 7,5 miliardi di euro (4,2 Pedemontana, 1,6 Brebemi, 1,7 Tem), di cui solo 1,2 come contributo pubblico e 6,3 da reperire sul mercato. Di fronte a operazioni così complesse, il fatto che il closing finanziario (cioè il reperimento di quanto serve per finanziare l'opera) non si raggiunga in tempi brevissimi è comprensibile e non deve essere considerato un fattore che compromette la realizzabilità dell'opera. Per le nostre tre autostrade la bancabilità del progetto è assicurata: i piani finanziari sono stati valutati positivamente dopo lunghissimi iter procedurali di verifica. In questa fase i prestiti ponte rappresentano una garanzia per la realizzazione dei lavori e contemporaneamente permettono di lavorare per la strutturazione del finanziamento senior".

REGOLE E TEMPI CERTI - Gli effetti della crisi sui mercati bancari e finanziari, con la richiesta di maggiori garanzie, rendono la situazione più critica. "La questione di fondo è quindi creare le condizioni per arrivare velocemente al closing finanziario - ha affermato l'assessore -. Due i punti critici: assicurare regole e tempi certi, condizioni per attrarre i capitali privati e garantire redditività agli investimenti, rivedendo la composizione della struttura delle società concessionarie".

COESIONE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI - "Per arrivare a questi risultati c'è bisogno di coesione e di cooperazione - ha concluso Cattaneo -. Il disfattismo non porta da nessuna parte e solo la capacità di lavorare insieme garantisce la realizzazione di risultati importanti".

  • Scrivimi

Credits