SS42





ABBATTUTO DIAFRAMMA GALLERIA CAPO DI PONTE - CATTANEO: SEMPRE IMPEGNATI PER VIABILITÀ PIÙ VELOCE E SICURA

(Ceto/Bs, 24 Febbraio) E' stato abbattuto oggi l'ultimo diaframma della galleria 'Capo di Ponte' sulla SS 42 'del Tonale e della Mendola' in provincia di Brescia, nell'ambito della prosecuzione dei lavori di realizzazione della variante tra Darfo ed Edolo e il completamento da Nadro di Ceto a Berzo Demo. L'infrastruttura favorirà una sensibile riduzione dei tempi di percorrenza per raggiungere l'alta Valle Camonica da Brescia e da Bergamo, con maggiori standard di sicurezza; grazie alla maggiore fluidità del traffico, ci saranno benefici anche a livello di inquinamento atmosferico. La caduta del diaframma è avvenuta nel corso di una cerimonia alla quale sono intervenuti gli assessori regionali Raffaele Cattaneo (Infrastrutture e Mobilità) e Monica Rizzi (Sport e Giovani), insieme al capo compartimento di Anas Lombardia Claudio De Lorenzo, all'amministratore unico di Anas Pietro Ciucci, al presidente della Provincia di Brescia Daniele Molgora, al vice sindaco di Capo di Ponte Sergio Turetti e al sindaco di Ceto Donato Filippini. 

IMPEGNO COSTANTE PER LA SICUREZZA - "Prosegue il nostro impegno - ha detto Cattaneo - per garantire una viabilità migliore, più sicura e funzionale in Lombardia. Il completamento di questa infrastruttura permetterà di by-passare i centri abitati dei Comuni di Capo di Ponte, Sellero, Cedegolo e Berzo Demo, ottenendo così una sensibile riduzione dei tempi di percorrenza. In particolare verrà eliminata una strettoia nell'abitato di Cedegolo che costituisce un vero punto critico per la viabilità. Oggi confermiamo inoltre che i lavori avvengono nei tempi previsti secondo una consuetudine che, negli ultimi anni, caratterizza l'impegno insieme ad Anas in vari cantieri aperti in Lombardia, alcuni dei quali sono stati conclusi anche con mesi di anticipo".

UN MOMENTO STORICO - "Abbattere l'ultimo diaframma della galleria di Capo di Ponte nell'ambito dell'ammodernamento della SS 42 - ha commentato Monica Rizzi - rappresenta per la Valle Camonica un momento storico, importantissimo tanto più se si considera che viene realizzato in una fase di crisi. La realizzazione dell'opera dimostra l'attenzione della Regione Lombardia per il bene e lo sviluppo del territorio". "La Valle Camonica - ha continuato - attendeva da 40 anni questo giorno giunto grazie alla sinergia tra Anas, Provincia e Regione quello che sembrava un sogno ora è una realtà tangibile". Monica Rizzi ha quindi elogiato il collega Raffaele Cattaneo "perché senza il suo aiuto, che assicuro non è mai mancato, non saremmo arrivati a questo importante traguardo, di cui si avvantaggerà tutto il territorio".

L'INTERVENTO - La galleria 'Capo di Ponte' è lunga 1866 metri e ha un costo di circa 46 milioni di euro su un totale dell'intero intervento di 191,2 milioni di euro. Fa parte dei lavori di realizzazione della variante alla strada statale 42 'del Tonale e della Mendola' tra Darfo ed Edolo, e consente il completamento dei lotti 4°, 5°, 6° (Stralcio I) da Nadro di Ceto a Berzo Demo. L'intero intervento, che si sviluppa in nuova sede nei Comuni di Ceto, Capo di Ponte, Sellero, Cedegolo e Berzo Demo, si estende per oltre 8,4 chilometri di cui 6,9 in galleria e i restanti 1,5 all'aperto. Inoltre sono previsti gli svincoli di interconnessione con la viabilità locale di Capo di Ponte e di Berzo Demo. L'infrastruttura è inserita come nuova opera nel Piano Pluriennale della Viabilità 2003-2012, nel Piano Triennale Anas 2003-2005 e successivamente nel Contratto di Programma 2008.

  • Scrivimi

Credits