Ema: "La scelta di Amsterdam viziata da un imbroglio"

Ema: Cattaneo, scelta Amsterdam viziata da un imbroglio
'Si riveda scelta'.Pressing anche da enti locali italiani a CdR
(ANSA) - BRUXELLES, 31 GEN - "Riteniamo che la vittoria di Amsterdam" nel sorteggio per l'assegnazione del nuovo quartier generale dell'Ema "sia viziata da un imbroglio, ovvero dall'affermazione che sarebbero stati pronti anche nella fase transitoria, prima della costruzione della nuova sede", "ma cosi' non e'". Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, a Bruxelles per partecipare alla plenaria del Comitato europeo delle Regioni (CdR).
"Io non penso ci sia stata cattiva volonta' - precisa Cattaneo - ma le cose non hanno corrisposto a quanto dichiarato", e quindi la scelta "deve essere rivista". Il presidente del Consiglio lombardo sottolinea che "piu' che sull'aspetto del contenzioso giuridico noi contiamo sull'aspetto politico", in quanto "il Parlamento europeo deve ratificare la decisione presa dalla Commissione e noi vogliamo far riflettere gli europarlamentari", perche' "a Milano siamo pronti".
"Oggi come delegazione italiana del CdR abbiamo firmato una dichiarazione congiunta e unanime" auspicando una revisione della decisione sull'Ema, continua Cattaneo, specificando che gli italiani stanno cercando appoggio anche fra le altre delegazioni nazionali. "Un'Ema che non funziona e' una riduzione della sicurezza nell'utilizzo di farmaci per tutti i cittadini europei", conclude il presidente, e "per l'Italia questa e' una partita troppo importante per non fare tutto il possibile per poterla vincere" "e riavere quello che in qualche modo ci e' stato impropriamente sottratto".(ANSA).
COMUNICATO DELLA DELEGAZIONE ITALIANA AL COMITATO EUROPEO DELLE REGIONI
Bruxelles, 31 gennaio 2018
La Delegazione italiana al Comitato europeo delle regioni - con voto unanime - esprime pieno e motivato sostegno alla decisione del Governo italiano, della Regione Lombardia e della città di Milano, di proporre appello affinché si riveda la decisione di assegnare ad Amsterdam la sede di EMA.
È evidente che il voto grazie a cui Amsterdam ottenne gli stessi voti di Milano è viziato da impegni assunti e non mantenuti.
L'affidabilità di Milano e le condizioni offerte per una immediata disponibilità dei locali devono trovare immediata attenzione presso le competenti istituzioni dell'Unione.
Ne va in gioco la stessa loro credibilità.

  • Scrivimi

Credits