SONDRIO, PRIMO LOTTO SS 38 PRONTO ENTRO 2011





TEMPI CONFERMATI DA CATTANEO IN CONSIGLIO REGIONALE

(Milano, 23 Novembre) Il primo lotto della SS 38 dello Stelvio (variante di Morbegno, dallo svincolo di Fuentes a quello di Tartano) verrà completato come previsto, per l'ottobre del 2011. Lo ha confermato l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, rispondendo in Consiglio regionale a un'interpellanza presentata dal consigliere del Pd Angelo Costanzo. "In vista della seduta del Collegio di Vigilanza, già prevista per il prossimo 17 dicembre - ha spiegato l'assessore - Anas ci informa che l'attuale avanzamento dei lavori è circa del 42% e che il cantiere prosegue a pieno regime. Da circa due settimane è stato attivato il cantiere dello svincolo di Fuentes, con conseguente revisione della viabilità locale finalizzata a garantire prioritariamente la direzione prevalente Milano-Sondrio e viceversa. Tale situazione permarrà sino alla ultimazione complessiva dei lavori, tuttora confermata per ottobre 2011". Per quanto riguarda la variante di Tirano, l'assessore ha spiegato che "entro la fine del mese, il presidente di Anas dovrebbe formalizzare l'invio del progetto definitivo al Ministero delle Infrastrutture per l'attivazione del nuovo iter di Legge Obiettivo. A seguito dello sviluppo del progetto definitivo, il costo dell'intervento è salito a 136 milioni di euro rispetto agli 85 milioni stimati nel Protocollo d'Intesa, con un sovracosto di 51 milioni integralmente da reperire". Riferendosi alla variante di Morbegno - secondo stralcio - il cui costo stimato è pari a 279,9 milioni di euro, di cui 195 già disponibili, l'assessore Cattaneo ha invece spiegato che "per la realizzazione della variante di Morbegno dallo svincolo di Cosio allo svincolo del Tartano, la Regione ha assicurato il finanziamento di 50 milioni di euro previsto a suo carico". Anche Anas ha già confermato la quota parte di finanziamento statale di propria spettanza (25 milioni), che si va ad aggiungere ai restanti 60 milioni previsti dal CIPE a titolo programmatico. La Provincia di Sondrio, insieme al Consorzio BIM ha confermato la propria quota parte di finanziamento (18 milioni) nonché quella degli Enti locali, pari a 29 milioni di cui 5 stanziati e confermati dalla Camera di Commercio di Sondrio. Sulla base di queste cifre sussiste una criticità finanziaria accertata pari a 85 milioni di euro, ovvero all'importo dei costi aggiuntivi emersi nel passaggio dal progetto preliminare al definitivo. Tale sovracosto però verrà presumibilmente assestato dai ribassi d'asta, i cui valori medi oggi sono superiori al 30%. "A fronte di queste criticità finanziarie - ha concluso Cattaneo - il Collegio di vigilanza dello scorso 18 giugno ha valutato opportuno che il quadro economico-finanziario del secondo stralcio della variante di Morbegno sia completato utilizzando anche tutte le risorse finanziarie a oggi disponibili per il nodo di Tirano. Questo progetto, naturalmente, non verrà abbandonato e il suo iter di approvazione tecnica proseguirà senza ritardi. Quanto alle criticità economico-finanziarie, la soluzione andrà perseguita attraverso l'impegno dei soggetti rappresentati nell'Accordo di programma a destinare alla variante di Tirano la totalità dei ribassi d'asta derivanti dal completamento della variante di Morbegno, a titolo di ripristino delle risorse temporaneamente rimodulate. I soggetti coinvolti si impegnano comunque a bandire la gara d'appalto per la progettazione esecutiva e la realizzazione della variante di Tirano reperendo tutte le risorse necessarie in tempo utile per dare avvio ai relativi lavori entro la fine del 2011".

  • Scrivimi

Credits