RISTORNI CONGELATI





CATTANEO: “BASTA INSULTI E POLEMICHE. ORA E’ TEMPO DEI FATTI E DELLA DIPLOMAZIA”

(Milano, 4 Luglio) “Certe prese di posizione si commentano da sole e su questo non voglio spendere una parola di più se non per dire che è giunto il momento di abbassare i toni” è la dichiarazione dell’Assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo alle offese rivolte alla sua persona apparse in questi giorni su Il Giornale del Ticino e Il Mattino. A suscitare le reazioni di una parte della stampa locale ticinese, è stata la decisa presa di posizione dell’Assessore ai trasporti lombardo che si è schierato dalla parte dei comuni della provincia di Varese che hanno protestato contro il congelamento dei ristorni. L’Assessore, che oggi ha contattato il sottosegretario alle economia e finanze Luigi Casero e ha parlato con l’Ambasciatore d’Italia a Berna Giuseppe Deodato, risponderà domani in Consiglio regionale ad un’interrogazione scritta sul provvedimento del Consiglio di Stato del Canton Ticino che blocca la metà dei ristorni ai comuni di frontiera lombardi: “A essere offeso dalle colonne di giornali svizzeri non sono stato tanto io, ma i tanti lavoratori onesti che si guadagnano da vivere andando a lavorare oltre frontiera – ha proseguito Cattaneo –. Il mio pensiero va infatti ai tanti frontalieri che si alzano presto la mattina per portare a casa lo stipendio e che addirittura devono subire di essere raffigurati come “ratt” (topi) sui cartelloni di una becera campagna pubblicitaria. Di parole se ne sono spese molte, ora è venuto il tempo dei fatti. Lasciamo spazio alla diplomazia affinché i nostri comuni di frontiera vedano tornare indietro le risorse che loro spettano. Non parole, ma una soluzione: è ciò che i cittadini lombardi ci chiedono”.

  • Scrivimi

Credits